Ultimi post...

domenica 5 marzo 2017

RECENSIONI E MUSICA: "Forever" e "Forever. Solamente io e te" di Amy Engel

AUTORE: Amy Engel
TITOLO: Forever (the Ivy series #1)
EDITORE: Newton Compton
 GENERE: Distopico\YA
PAGINE: 256

Un piccolo gruppo di sopravvissuti entra in conflitto per decidere quale famiglia andrà al governo del nuovo mondo. Il clan dei Westfall perde lo scontro con quello dei Lattimer. Passano cinquant’anni e la comunità è ancora in pace, ma il prezzo è alto: ogni anno un rito assicura l’equilibrio forzato tra le famiglie e così una delle figlie dei perdenti deve andare in sposa a uno dei figli di quella vincente. Quest’anno, è il mio turno.
Il mio nome è Ivy Westfall, e la mia missione è semplice: uccidere il figlio del capo dei Lattimer, Bishop, il mio promesso sposo, e restituire il potere alla mia famiglia.
Ma Bishop sembra molto scaltro oppure non è il ragazzo spietato e senza cuore che mi avevano detto. Sembra anche essere l’unica persona in questo mondo che veramente mi capisce, ma non posso sottrarmi al destino, io sono l’unica che può riportare i Westfall al potere.
E perché questo accada, Bishop deve morire per mano mia...

AUTORE: Amy Engel
TITOLO: Forever. Solamente io e te (the Ivy series #2)
EDITORE: Newton compton
 GENERE: Distopico\YA
PAGINE: 251
 
 
Sono ancora viva. A malapena. Il mio nome è Ivy Westfall. Ho sedici anni e sono una traditrice. Tre mesi fa, sono stata costretta a sposare il figlio del Presidente, Bishop Lattimer – come è stabilito che facciano tutte le figlie del clan perdente nella guerra che sono cedute in matrimonio ai figli dei vincitori. Ma io ero diversa. Io avevo una missione segreta da portare a termine: uccidere Bishop. Invece, mi sono innamorata di lui. Ora sono una reietta, abbandonata al mio destino e devo sopravvivere nella ferocia brutale delle terre al di fuori della civiltà. Eppure, anche qui, c’è speranza. C’è vita oltre la recinzione. Ma non posso correre più veloce del mio passato. E ogni giorno il mio cuore si chiede se riuscirà mai a battere di nuovo come un tempo…
 
Come sarebbe crescere con il compito di uccidere colui che per tutta la vita hai creduto fosse il tuo nemico, per capire, in seguito, di quanto in realtà i veri nemici fossero ben più vicino a te di quanto immaginassi. Questa è la domanda che mi girava nella testa durante tutta la lettura di questo libro, perchè Ivy l'ho odiata in alcune occasioni ma l'ho anche capita in molte altre, procediamo con ordine. Siamo in una città nella quale dei soperavvissuti alla guerra cercano di garantire la pace. Al governo ci sono i Lattimer, i quali decidono di stipulare una tregua con il gruppo di ribelli che vorrebbe riconquistare il potere i Westfall. Alla base di questo accordo due volte l'anno una parte dovrà offrire delle donne che convoleranno a nozze con uomini della fazione opposta, in  questo modo verrà garantita la pace e la specie. La storia parte quando Ivy Westfall, figlia del capo dei ribelli, convola a nozze con Bishop Lattimer, figlio del capo del Governo . Entrambi hanno sedici anni e iniziano a conoscersi e piano piano a legarsi l'uno all'altra, ma Ivy ha un segreto è stata addestrata per uccidere Bishop e permettere al padre di prendere il potere.
La trama del primo libro è questa, mentre quella del secondo preferisco non dirvela per evitare spoiler ma se volete potete leggerla in alto. Diciamo che tra i due ho preferito il primo che ho trovato entusiasmante al punto giusto e soprattutto con un ritmo sostenuto, mentre il secondo fa fatica a iniziare e ha un ritmo decisamente più lento.A parte questo mio giudizio del tutto soggettivo i libri sono ben strutturati e si leggono veramente velocemente; si entra completamente in sintonia con i vari personaggi vivendo e lottando con loro. Ho adorato la relazione tra Bishop e Ivy, l'amore che gli unisce è di quelli che devastano e ti fanno capire di non poter vivere senza. Ivy è una protagonista che non ha sfumature, o si odia o si ama, cresciuta dal padre e dalla sorella si divide tra l'amore che inizia a provare per la persona che dovrebbe odiare e uccidere e l'affetto che nonostante tutto continua a provare per la sua famiglia. Una protagonista reale, non romanzata che ha reazioni e sensazioni come chiunque per questo nonostante i mille errori commessi e il suo modo di trattare Bishop non sempre gentile, non ho potuto fare altro che tifare per lei e per la sua indipendenza. 
Bishop invece è cresciuto all'ombra di un padre potente e di una madre che non gli ha mai dimostrato affetto, per questo è chiuso ma allo stesso tempo trasmette tantissime emozioni. Il modo in cui piano piano riesce a far aprire Ivy, dandole tempo, affetto, pazienza e lottando per lei me l'ha fatto amare. Mi sono ritrovata in mezzo al suo tumulto emotivo quando credeva in un  tradimento e nella sua sofferenza a fine del primo libro. Bishop è il personaggio migliore di tutta la duologia, non perchè è bello, ma per la lotta che porta avanti, per il modo in cui riesce ad amare e per il suo essere semplicente un ragazzo ritrovatosi a provare un sentimento troppo grande e troppo forte.
Gli antagonisti di questa storia saranno sicuramente Callie la sorella di Ivy, una ragazza cresciuta nell'odio e in grado di nutrirsi di esso, cerca in tutti i modi di portare Ivy con se, ma lei non solo resisterà ma prenderà decisioni importanti che metteranno a rischio la sua vita. Altro antagonista il padre di Ivy, un uomo che ha perso la moglie che amava e per questo è stato divorato dalla vendetta e dal desiderio di giustizia, in grado di rendere le sue due figlie i suoi strumenti, rovinandole pur di avere quello che desidera.
Il secondo libro è molto più introspettivo, cambiano le dinamiche siamo fuori dalla realtà in cui Ivy è cresciuta , ma soprattutto sola e  lontana dalla persona che ama. Nella lotta per la sopravvivenza incontrerà due amici che le permetteranno di salvarsi fino all'incontro con Bishop e al finale scontro con Callie e con suo padre.
In questo troviamo una Ivy più insicura ma allo stesso tempo più indipendente, lontana da coloro che l'anno sempre manovrata, riesce a trovare se stessa e a ricostruire la sua vita che pensava fosse rovinata per sempre. Bishop anche qui si dimostra un personaggio straordinario, sta accanto a Ivy mettendola alle strette e riuscendo a farle ammettere e affrontare tutto il dolore, la solitudine e l'amore che finalmente ammette di provare per lui. Avranno entrambi una nuova famiglia, nuove abitudine e una nuova vita fino al momento in cui rientrati dovranno affrontare il caos che pensavano si  fossero lasciati alle spalle. Un epilogo dolce e amaro, un lieto fine che comunque ha un prezzo da pagare e che si misura in perdite e dolore. Ho apprezzato molto la storia, i personaggi e lo stile dell'autrice, vengono affrontate tantissime tematiche dalla violenza domestica allo stupro, ma in maniera delicata e coerente con la storia. Un libro che fa riflettere, senza mai risultare pesante, dei protagonisti con cui entrerete subito in empatia e una storia che non riuscirete a lasciare fino alla fine.

Da "Forever"
["«Avevi ragione, Ivy», dice tranquillamente. «Mi dà fastidio il modo in cui le nostre scelte ci vengono sottratte».
Ho quasi paura di respirare, si sta confidando con me. Si fida di me esattamente come Callie e mio padre volevano che facesse. «Perché non hai detto qualcosa allora?».
Bishop sospira. «Non sono… non sarò mai il ragazzo che esterna tutto, non sono io. Fino a quando non conosco veramente qualcuno, non parlo molto. Sono semplicemente fatto così».
«Ok…», dico, attendendo. Se non altro posso comprendere cosa voglia dire avere una parte della propria personalità che non è facile cambiare.
«Ma non significa che io non abbia sentimenti », dice, «che quelle cose non siano importanti per me».
Bevo un sorso d’acqua. «Non avrei dovuto dirtelo, la mattina che abbiamo discusso circa il fatto che tu non provi niente, non è stato corretto».
«Io capisco perché tu possa pensarlo», dice Bishop. «Ma non è vero». Fa una pausa. «Anch’io volevo qualcosa di diverso. Qualcosa in più che essere semplicemente tuo marito».
«Tipo cosa?», chiedo.
Distoglie i suoi occhi dai miei. «Niente che importi ora, è questo ciò che abbiamo. Questa vita, noi due, questa casa».]

Da "Forever. Solamente io e te"
[«Perché?», ribatto. «Perché avresti dovutofare una cosa simile?»
«Ricordi quello che ti ho detto una volta?», fa una breve pausa, le sue dita sfiorano la pelle sensibile del mio punto vita, sotto la camicetta. «Riguardo al fatto che non mi sarei arreso con te?». Le sue parole sono dolci ma mi colpiscono come un pugno dritto tra gli occhi, come una pallottola che mi lacera
gli organi più vitali, lasciandomi in affanno e distrutta.
Dopo tutto ciò che gli ho fatto, potrebbe ancora essere il Bishop che una volta mi amava, che mi teneva la mano e che è diventato il mio migliore amico. So di non essere più la stessa Ivy, mi sento come uno dei conigli che ho imparato a eviscerare, sono stata svuotata. Tutto ciò che mi sono sempre sforzata di chiudere a chiave nel passato e che ho cercato di allontanare da me con tutte le forze che avevo, minaccia ora di sgorgarmi fuori più potente che mai. Sono in preda a un tipo di terrore non molto diverso da quello provato con Mark in riva al fiume, rude e primitivo, come se la mia stessa sopravvivenza
fosse in discussione. Mi libero dalla sua presa, balzo all’indietro giù dalla branda, via da lui. Lo sfioro con il ginocchio inavvertitamente, facendolo piegare su se stesso in avanti.
«Scusami, mi dispiace», dico ansimando. «Mi dispiace, si tratta delle costole? Posso portarti delle altre medicine».
«Ivy… ».
Afferro le mie scarpe e mi catapulto fuori dalla tenda. Sono in piedi nel dolce soleggiare del mattino,
annaspo, con i muscoli contratti e l’aria che fa fatica a muoversi nei miei polmoni. Non capisco come il dolore per la sua perdita possa impallidire di fronte al dolore che mi procura averlo ritrovato.]


Lo stile dell'autrice è semplice ma dettagliato, permette di conoscere a fondo i personaggi e le loro storie tanto da considerarli reali. Ivy non è perfetta ha tantissimi difetti ma sono proprio quelli a renderla unica e in grado di affrontare il suo destino.  Bishop è l'amico, il confidente, l'amante ma è soprattutto un personaggio che entrerà nel vostro cuore piano piano e che riuscira a conquistarvi.Il mio giudizio non può che essere positivo, lo consiglio ai più giovani ma anche a chi è un pò meno giovane ma ha voglia di leggere una bellissima e romantica storia. Buona domanica lettori.


GIUDIZIO: 4AUDREY ( Promosso e consigliato)

MOMENTO MUSICALE: 
 
Shinedown "diamonds eyes" non so perchè ma avevo bisogno per questo libro di una musica forte ma che allo stesso tempo trasmettesse rabbia e frustrazione, questa sembrava perfetta. Buona lettura e buon ascolto lettori.


4 commenti:

  1. Questa duologia mi incuriosce molto nonostante non sia del tutto il mio genere. La tua recensione mi ha aiutata a capire un pò cosa devo aspettarmi quindi ottimo consiglio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Susy leggila è davvero bellissima :*

      Elimina
  2. Non ho letto la recensione del secondo perché mi è arrivato oggi e voglio leggerlo senza condizionarmi però appena l'ho letto torno da te per vedere cosa ne pensi ;D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Curiosa di sapere la tua opinione :*

      Elimina