Ultimi post...

venerdì 22 luglio 2016


 AUTORE: Kylie Scott
TITOLO:Tutto in una sola notte
EDITORE: Newton compton
 GENERE: New adult
PAGINE: 313



 "I piani di Evelyn Thomas per festeggiare il suo ventunesimo compleanno a Las Vegas erano grandiosi. Non aveva certo previsto di svegliarsi sul pavimento del bagno della sua stanza d’hotel, con i postumi di una sbornia madornale e un uomo tatuato, seminudo e molto attraente accanto ad assisterla. E, ciliegina sulla torta, un diamante al dito grande abbastanza da spaventare. Se solo riuscisse a ricordarsi come tutto ciò possa essere accaduto, sarebbe già qualcosa… Lui si ricorda tutto, invece: si chiama David, è il chitarrista di una rock band di successo, gli Stage Dive, e da meno di dodici ore pare sia il marito di Evelyn. E adesso? Che fare? E se non si fosse trattato solo di un errore dovuto ai fumi dell’alcol?


Buongiorno lettori, oggi vi parlerò di un libro che in me ha suscitato emozioni contrastanti: non mi è piaciuto del tutto ma allo stesso tempo non mi sento di bocciarlo. Il libro in questione è “tutto in una sola notte” di Kylie Scott che ho deciso di leggere dopo aver visto tantissime opinioni positive, vi spiegherò nel dettaglio quello che mi è piaciuto e quello che invece non mi ha fatta impazzire, ma partiamo come al solito dicendo di cosa si tratta. L’inizio è  molto simile ad una commedia romantica, Evelyn o Eve per gli amici si sveglia la mattina dopo il compimento dei suoi 21 anni a Las Vegas, ubriaca ma soprattutto in compagnia di David, bellissimo ragazzo con cui “pare” abbia passato la notte. In realtà David non le ha fatto solo compagnia ma l’ha anche sposata, soprattutto non è un ragazzo comune, ma appartiene ad un gruppo musicale di successo. Evelyn si ritrova, la mattina seguente, moglie, sulle pagine dei giornali di tutto il mondo e con la sua notte di compleanno che da privata è diventata pubblica. Lei non ricorderà nulla della notte precedente,  David in un primo momento non farà che trattarla male, ma tra loro nascerà piano piano un forte sentimento, fatto di conoscenza, battute sarcastiche e complicità, ma non sarà semplice essere la moglie di un personaggio famoso, soprattutto se nasconde un passato doloroso di cui non vuole mai parlare e un ex fidanzata invadente. La storia per sommi capi la si può riassumere così, in realtà è molto più complicata e intensa.
I personaggi: Evelyn è la tipica ragazza perfetta che ha sempre fatto quello che i genitori le hanno imposto, studia architettura, lavora in un bar ma soprattutto vive attraverso i piani che lei stessa crea per il suo futuro. Ha un  fratello più grande  Nathan e una migliore amica Laurel  con cui ha un appartamento, la sua vita è apparentemente normale, non ha vizi, ha avuto solo un ragazzo e ha solo un obiettivo: laurearsi. L’incontro con David le cambierà la vita, facendole rivalutare i suoi obiettivi e le sue passioni, recupererà il rapporto con il fratello con  cui non si parlava da tempo e riacquisterà fiducia in se stessa.
David invece è il tipico uomo che si ritrova con un passato ingombrante alle spalle, un fratello nel suo gruppo con cui ha trascorsi turbolenti ma soprattutto una sicurezza sul palco che in realtà nasconde una vera e propria “ sindrome da abbandono”. Per questo motivo ogni volta che Eve  si allontanerà, lui si difenderà utilizzando non sempre parole d'amore.
Oltre a loro avremo Laurel , Nathan, Mal  il batterista del gruppo e l’ unico in grado di trattare Eve come un vero amico, Ben, Marha  e Jimmmy il fratello di David. La storia si legge bene ma presenta delle caratteristiche che non mi sono piaciute, andiamo con le note dolenti.
Il linguaggio a volte troppo volgare: la continua ripetizione di parolacce alla lunga mi ha stancata soprattutto quando inserite ovunque senza criterio.
Secondo punto le scene sensuali, come sapete io non sono amante delle scene troppo spinte, soprattutto quando vi si dedicano interi capitoli, preferisco una  sensualità più “soft”, qui abbiamo molte scene di questo genere che interrompono la trama, rendendo il tutto a volte confusionario.
Il libro comunque non è da bocciare è una commedia romantica e tenera, i personaggi ben inseriti  si faranno conoscere alla perfezione via via che si procederà nella lettura. David e Eve vi faranno innamorare ed infuriare allo stesso tempo, ma soprattutto faranno capire come al di là del successo ci siano sempre persone con le loro insicurezze e paure, il fatto che siano famosi non li rende meno umani ma solo più fortunati o sfortunati a seconda dei punti di vista.

[ «Dave, era così sconvolta che mi ha perfino tirato un pugno».
«Stronzate».
«Non sto scherzando. Era quasi in lacrime quando l’ho incontrata», rispose Mal.
Sbattei la fronte contro il muro, in silenziosa disperazione. Perché diavolo glielo aveva detto?
Mio marito abbassò la testa. «Non era questo che volevo».
«A quanto pare, non volevi un sacco di cose». Mal scosse la testa ed emise un verso
di disapprovazione. «Almeno volevi sposarla, amico? Sii sincero».
David si accigliò di nuovo, la fronte accartocciata alla James Dean. «Non lo so più, va bene? Cazzo. Ero andato a Las Vegas perché ero stufo marcio di questo puttanaio, e ho incontrato lei. Era diversa. Almeno…quella sera sembrava così. Volevo solo… qualcosa di diverso dalla solita merda, tanto per cambiare».
«Povero Davey. È faticoso essere un dio del rock, vero?»
«Dov’è?»
«Capisco il tuo dolore, fratello. Davvero, lo capisco. Voglio dire, tutto quello che volevi era una ragazza che non ti baciasse i piedi, e ora sei incazzato con lei per lo stesso identico motivo. Difficile la vita, eh?»
«Vai a cagare. E lascia perdere, Mal. È finita ». Mio marito sbuffò. «E per la cronaca, è stata lei a volere questo cazzo di divorzio. Perché non lo fai a lei il terzo grado?».
Mal aprì le braccia sospirando con fare teatrale. «Perché è molto impegnata a nascondersi dietro l’angolo e a origliare. Non posso disturbarla».
David si irrigidì e i suoi occhi azzurri mi trovarono. «Evelyn». Beccata.]


Lo stile dell'autrice è semplice, fin troppo considerando le parolacce che potete notare in quantità spropositate anche nell'estratto che ho condiviso. Il libro è scritto dal POV di Evelyn, questo ci permette di sapere solo le sue sensazioni e i suoi pensieri, nonostante secondo me in  questi casi siano sempre meglio i punti di vista alternati. In conclusione, lo consiglio? Si e no, se come me odiate le parolacce nel testo e le scene troppo sensuali no, ma io comunque almeno al primo libro della serie una possibilità la darei...


GIUDIZIO (Promosso/Bocciato):PROMOSSO
(1/5*****) :3***
MOMENTO MUSICALE:

La canzone scelta per questo libro è:
Alter Bridge "shed my skin" perchè parliamo di un gruppo rock e per questo libro ci voleva una bella canzone rock, le parole sono indicate più per David che per Evelyn: " I am not alone
I live with the memories, regret is my home
This is my true freedom\ Non sono solo, vivo con i ricordi, il rammarico è la mia casa, questa è la mia vera libertà" la lotta con il passato sta alla base del carattere di David e di tutto il libro,un passato ingombrante e doloroso che non riesce a lasciarsi alle spalle.
Buon ascolto lettori e buona lettura...





2 commenti:

  1. Non lo conoscevo! Lo metto in wishlist ;)

    RispondiElimina
  2. fai bene, per quanto alcuni aspetti non mi siano piaciuti non è stata una lettura del tutto negativa :)

    RispondiElimina